G(E)NARO
PROVERBIO BADESE
1) Chi vole un bon ajaro a lo pianti d’ g(e)naro.
Chi vuole un buon raccolto di agli faccia la semina a gennaio.
2) L’inverno an l’ha mai mantghiado al luvo. ’
L’inverno non l’ha mai mangiato il lupo.Infatti prima o poi arriva.
RICETTA DEL MESE:Costolette di maiale in umido.
Ingredienti:Costolette di maiale a pezzetti,aglio,rosmarino,alloro,salsa concentrata di pomodoro,
vino bianco,sale e pepe.
Si fanno soffriggere a fuoco lento le costolette con rosmarino aglio ed una foglia di alloro.
Se si vuole un piatto meno pesante si scola il grasso della frittura e si sostituisce con olio.
Si aggiungono sale e pepe ed un po’ di vino bianco,che si lascia sfumare.Si pone quindi la salsa
di pomodoro diluita con acqua e si lascia terminare la cottura,aggiungendo eventualmente un po’ di brodo di dado, se il liquido del tegame non fosse sufficiente.Badare che il sugo resti piuttosto denso.Si servono con tigelle o polenta.

FEBRAJJO
PROVERBIO BADESE:
1)Se febrajjo an febrajeggia ,marzo a mal pensa.
Se a febbraio non viene il brutto tempo,verrà certamente a marzo.
2) Febbrajetto curto,curto,l’è cativo più d’un turco.
Febbraietto corto,corto è più cattivo d’un turco.
RICETTA DEL MESE : Minestra di patate.
Ingredienti :Patate,olio,scalogno,brodo,vino bianco,due o trè pomodorini,sale e pepe.
Si pulisce lo scalogno e si fa soffriggere leggermente in un tegame con olio extravergine
D’oliva.Si pelano le patate e si tagliano a dadini.Si aggiungono poi allo scalogno facendole insaporire un po’ e si versa del brodo di dado o di carne.Si uniscono mezzo bicchiere di vino bianco secco ,sale e pepe.Si continua poi ad aggiungere liquido fino alla cottura delle patate.Per ultimi si mettono due o trè pomodorini e si controlli che vi sia liquido sufficiente per cuocere la pasta.
Si butta la pasta (ditali rigati o altro,.Si serve con abbondante parmigiano.

MARZO
PROVERBIO BADESE :
A marzo chin’ha le scarpe a vagghi scalzo.
A marzo chi non ha le scarpe vada scalzo .
Chi l’ha un bon ciocco a lo serbi a marzo.
Chi ha buona legna ne serbi un po’ per marzo perché l’inverno non è finito.
RICETTA DEL MESE: Paste fritte.
Ingredienti:Farina di grano tipo 0, olio di semi o strutto,(uovo-facoltativo),lievito di birra ,sale.
Si pone la farina sul tagliere e si aggiunge un pizzico di sale ,lievito di birra in quantità bastante,un po’ d’olio di semi o strutto,volendo anche un uovo.Si fa l’impasto aggiungendo acqua tiepida fino
ad ottenere una pasta morbida.Si spiana la pasta col matterello poi si fanno delle strisce di circa 10 cm di larghezza e dello spessore di ¾ mm.Si tagliano le strisce a rettangoli o losanghe.
Si lasciano lievitare sul tagliere ,poi si friggono in abbondante olio o strutto.
Si mangiano con formaggio fresco,salumi,o cosparse di zucchero.

AVRILE
PROVERBIO BADESE :
1)Do^ avvilante ,quaranta dì durante
Le condizioni metereologiche del 2aprile dureranno quaranta giorni..
2)Al mese d’avrile fila un fuso e va a dormire.
In aprile si fila un solo fuso perché si va a letto presto in quanto le notti sono corte.
RICETTA DEL MESE: Radicchi in padella .
Ingredienti: Abbondante tarassaco (volg.piscialetto) ,aglio ,olio,pancetta,sale ,peperoncino.
Si pulisce il tarassaco,lo si lava bene e lo si fa lessare .Una volta scolato si strizza con le mani facendone delle palle.Lo si pone sul tagliere e lo si trita finemente.Intanto nella padella con un po’ d’olio si fanno soffriggere l’aglio e la pancetta tritati.Si aggiunge il tarassaco e lo si lascia insaporire
Bene.Prima di toglierlo dal fuoco si mette un po’ di peperoncino e si aggiusta di sale.
E’ un ottimo contorno che in primavera andrebbe mangiato spesso perché è un ottimo depuratore del sangue.

MAGGIO

PROVERBIO BADESE :
Maggio ortolan,tanta pajja e poco gran.
Maggio ortolano (piovoso) ,tanta paglia e poco grano (raccolto scarso).
RICETTA DEL MESE :Risotto con gli strigoli.
Ingredienti: Strigoli (silene vulgaris ),olio,cipolla,brodo vegetale,vino bianco,parmigiano,sale e pepe.
Si fa soffriggere nell’olio la cipolla tritata finchè non diventa trasparente,poi si aggiungono le foglie degli strigoli , precedentemente lavate,nella quantità di una manciatina per persona , e si bagnano con brodo vegetale (anche di dado). Dopo alcuni minuti di bollitura si versa il riso,si aggiusta di sale e pepe e si continua la cottura aggiungendo un po’ vino bianco e del brodo vegetale caldo .La consistenza deve essere quelle di un normale risotto. A cottura ultimata si spegne il fornello e si aggiunge abbondante parmigiano e si fa mantecare.
Il sapore è delicato e particolare.

GIUGGNO

PROVERBIO BADESE :
1 ) Tra maggio e giuggno a ven fora al bon fungio.
Tra maggio e giugno viene fuori il buon fungo.(In questa stagione i funghi sono particolar-
Mente saporiti.
RICETTA DEL MESE:Frittata con i “vizadri” (vitalbe).
Ingredienti:Germogli di vitalba (clematis vitalba), uova,parmigiano,olio, sale e pepe.
Si raccolgono i germogli di vitalba di 4 o 5 cm di lunghezza.Si fanno lessare,si scolano e
si triturano grossolanamente. Si prepara la base della frittata con uova,parmigiano grattugiato,sale e pepe,poi si aggiungono le vitalbe.Il composto si frigge in padella con
poco olio.
Il sapore assomiglia a quello della frittata coi carciofi.

LUJJO
FILASTROCCA BADESE :
Lucciola, lucciola veni al gran ,ch’al povretto an ha più pan.
Lucciola ,lucciola vieni al grano che il povero non ha più pane.(C’era la credenza che le lucciole facessero maturare il grano).
RICETTA DEL MESE:Frittata con le code di cipolla.
Ingredienti:Code di cipolla fresche,uova,parmigiano,olio,sale e pepe.
Si tagliano a pezzetti le code di cipolla e si fanno appassire nella padella con olio.
Si prepara la base della frittata con uova,parmigiano grattugiato,sale pepe e si incorporano le code di cipolla dopo averle fatte raffreddare .Si cuoce la frittata con poco olio

AGOSTO
PROVERBIO BADESE :
1) Santantogno dalla gran freddura, San Lorenzo dalla gran calura, l’unna a l’altra poco a dura Sant Antonio(17gennaio) dal gran freddo,S Lorenzo (10 agosto) dal gran caldo ,l’uno a l’altro poco durano.
2)Per S .Lorenzo chi l’ha na nosce a i guardi drento.
Per S.Lorenzo nelle noci si comincia a vedere il gheriglio.
RICETTA DEL MESE:Fagioli tonno e cipolla .
Ingredienti:Fagioli freschi sgranati,cipolle fresche,tonno sott’olio,olio extravergine d’oliva,
sale e pepe.
Si fanno lessare i fagioli,si scolano e si lasciano raffreddare .Si tagliano a fettine sottili alcune cipol-line fresche ed assieme al tonno sminuzzato si uniscono ai fagioli.Si condiscono con abbondante olio sale e pepe.
E’ un piatto unico chi si mangia bene d’estate.

STEMBRE
PROVERBIO BADESE :
1)Aria rossa o ch’a piscia o ch’a soppia .
Aria rossa o piove o tira vento.
2)A settembre la notte al dì a contende.
A settembre la notte è uguale al giorno.
RICETTA DEL MESE :Patate la forno con funghi .
Ingredienti :Patate, funghi porcini,parmigiano,olio, sale e pepe.
Si fanno lessare le patate badando che restino un po’ durette.Si pelano e si tagliano a fette dello spessore di 4 o 5 mm.Si prendono alcuni porcini giovani (bastano tre’ o quattro) e si tagliano a
Fettine sottili .In una pirofila si pone uno strato di patate e sopra uno strato di porcini e si condisce il tutto con olio,sale pepe ed una buona spolverata di parmigiano.Si fanno tanti strati fino ad esaurimento delle patate, badando di non mettere i funghi sullo ultimo strato (diventerebbero secchi) .Si mettono al forno a 150° per mezz’ora Costituiscono un ottimo secondo .

OTOBBR
PROVERBIO BADESE :
La castagna a ven ‘na volta all’anno,chi an la catta l’è a so danno.
La castagna viene una volta all’anno,peggio per chi non la raccoglie.
S.Simon a ven con la perdga e al baston.
S Simone (25 ottobre) viene con la pertica ed il bastone.(A quei giorni anche le
Ultime castagne sono ormai cadute).
RICETTA DEL MESE:I necci con le foglie.
Ingredienti :Farina di castagne,acqua, sale.
Strumenti occorrenti: Il trespolo,i testi (dischi di terracotta ),foglie di castagno raccolte d’estate e seccate all’ombra.Si mettono i testi a scaldare sul la fiamma del camino.Le foglie invece vengono messe a bollire per alcuni minuti nel paiolo.Si prepara poi un impasto piuttosto tenero con farina di castagne , acqua e un pizzico di sale.Quando i testi sono caldi si ammucchiano tutti insieme per rendere uniforme il calore.Poi si prende un testo lo si mette nel trespolo e vi si stendono sopra due foglie.Su di esse si pone una cucchiaiata abbondante di impasto che si ricopre con altre due foglie.Si pone sopra ad esse un altro testo e così via ,fino ad esaurimento.Dopo pochi minuti i necci sono cotti. Liberati dalle foglie,morbidi e profumati,sono pronti per essere mangiati con ricotta o coppa di testa.

NOVEMBRE
PROVERBIO BADESE :
1)Per San Martin la neve l’è in tal spin e se a gnè ,l’è vjin.
Per San Martino la neve è sullo spino,se non c’è,è vicino.(l’inverno è alle porte).
RICETTA DEL MESE :Zuppa di cavolo nero.
Ingredienti :Cavolo nero ,sedano ,porro,patate,fagioli borlotti,pancetta,olio,cotenne di maiale, concentrato di pomodoro,pane raffermo,aglio,prezzemolo ,sale e pepe. In una pentola di terracotta si mettono a cuocere i fagioli borlotti messi a mollo la sera prima.
Si tritano intanto il cavolo nero,un porro,una costa di sedano e si aggiungono ai fagioli. Dopo qualche tempo si mettono le patate (non in grande quantità) tagliate a dadi. Si fa poi un bel battuto di aglio e prezzemolo e si mette a soffriggere con l’olio, senza farli strinare ,poi si aggiunge il concentrato di pomodoro sciolto nell’acqua.Quando il tutto si è insaporito , lo si versa nella pentola ,che dovrà bollire per almeno 4 ore. Se si vuole che la zuppa sia più saporita si mettono a bollire con le verdure anche alcune cotiche di maiale. Si pongono poi alcune fettine di pane nel piatto e vi si versano sopra le verdure col brodo. La zuppa ora è pronta ,ma conviene lasciarla riposare un pochino prima di mangiarla.

DGEMBRE
PROVERBIO BADESE :
Santa Lucia l’è al dì più curto ch’a i scia.
S. Lucia è il giorno più corto che ci sia.
2)Santa Bibbiana quaranta dì e unna stmana.
Santa Bibbiana quaranta giorni ed una settimana.(Per 40 giorni ed una settimana il tempo sarà
quello di questo giorno).
RICETTA DEL MESE :Il castagnaccio.
Ingredienti: Farina di castagne,olio,noci o pinoli,sale.
Si pone le farina di castagne in una terrina,vi aggiunge un po’ d ‘olio extravergine d’oliva,un pizzico di sale,e acqua poco per volta mentre si rimescola con una frusta fino ad ottenere una
crema molto tenera.Vi si aggiungono noci tritate o pinoli.Si unge poi una teglia e si versa la pastella
facendone uno strato dello spessore di 2 cm.Si pone la teglia nel forno ad una temperature di 180°
e la si lascia per mezz’ora,o fino a che non si vede che la superficie è asciutta e tutta screpolata.

I GIORNI DELLA SETTIMANA IN BADESE:

LUNDI’-LUNEDI’
MARTEDI’-MARTEDI’
MERCOLDI’-MERCOLEDI’
GIOVDI’-GIOVEDI’
VENERDI’-VENERDI’
SABBADO-SABATO
DOMENDGA-DOMENICA


<Home

Info@prolocobadi.it

<